ON AiR

Donazione

  • Sport e Inclusione 2024 - Le interviste

    Back Torna indietro

    Scritta 1 mese fa in Eventi

    Il Prato calcio a 5 è orgoglioso di annunciare un evento di prestigio nazionale ed internazionale, dal titolo "Sport & Inclusione".
    A rendere questo incontro unico nel suo genere è la presenza dei personaggi che vi prenderanno parte. Uomini che danni si battono per un futuro migliore dei giovani delle periferie di Napoli, credendo nel riscatto sociale attraverso lo sport. Uomini che si trovano ogni giorno a combattere contro la Camorra, che vorrebbe indirizzare bambini e bambine, ragazzi e ragazze verso la strada della criminalità. Uomini che per il loro coraggio subiscono minacce quotidiane, ma che vanno avanti mettendoci la faccia. Senza paura.

    Don Aniello Manganiello, prete anticamorra, parroco di Scampia dal 1994 al 2010. Durante quei sedici anni ha combattuto la criminalità organizzata, strappando alla manovalanza della camorra tantissimi giovani. Oggi continua la sua lotta nel rione considerato il quartier generale della criminalità organizzata con l'"Associazione Sportiva Oratorio Don Guanella" di Scampia.
    È autore del libro: “Gesù è più forte della camorra” scritto con il giornalista Andrea Manzi e pubblicato nel 2011 dalla Rizzoli.

    Antonio Piccolo e Carlo Sagliocco, fondatori nel 1986 della Scuola Calcio Arci Uisp Scampia, di cui ora sono rispettivamente Presidente e Vicepresidente. Una realtà che ha tolto tanti ragazzi dalla strada riuscendo a lanciarli anche nel mondo del professionismo. Importante la collaborazione con la Fondazione Ciro Ferrara e Fabio Cannavaro con cui è stato realizzato il progetto “Campioni nella vita”.

    Bruno Mazza, fondatore e animatore dell'Associazione "Un'infanzia da vivere" del Parco Verde di Caivano. Reso noto dai drammatici fatti dell'estate scorsa, che hanno evidenziato le criticità di quello che è considerato il quartiere più violento e inaccessibile d'Italia. Ex braccio destro del boss del quartiere, da giovanissimo ne governava tutte le piazze di spaccio. Arrestato, dopo undici anni di carcere ha cambiato vita, fondando l'associazione e diventando un punto di riferimento per i bambini di Parco Verde. Una trasformazione che lo ha portato ad essere costantemente al centro di minacce della camorra.

    Giovanni Esposito, attore di teatro, vicepresidente ed educatore della Cooperativa Sociale Macramè di Campi Bisenzio. Collaboratore di Libera, è un esperto di lotta alle mafie.


Foto

WhatsApp Image 2024 01 12 at 12.54.16
App Store Apple Store Tune In Mobile

Thanks to

Studio tecnico associato Ballerini e Gheri Bolognini Foto Sirio Risorse Umane Hello Darling
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, cliccando in un qualsiasi punto dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner se ne consente l'utilizzo. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Chiudi